Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Mavilla (Marco Marchiani)

Artshow2 - Mavilla (Marco Marchiani)

Le sculture di Mavilla hanno percorso un lungo cammino: come le posizioni dello yogi, raggiungono la perfezione della stasi, ma solo perché hanno attraversato il movimento. Questi oggetti, erano parole. Sono stati parola, sono stati libro, sono arrivati a divenire scultura. Alcuni di loro sono ancora a metà del cammino, sono in metamorfosi: non più parola, non ancora oggetto. Se, come dice Thomas Bernhard, le arti sorelle sono rese eternamente tali dal deficit espressivo di ognuna (pittura e scultura possono solo rappresentare i corpi, la poesia solo azioni e sentimenti) e l’una rappresenta l’estinzione degli effetti e del dominio dell’altra, allora Mavilla è già passato anche di lì: coi suoi libri d’artista, dove le sue immagini hanno dato e preso dalla parola scritta (poesie, aforismi) in un colloquio/specchio che mai ha assunto caratteri di subalternità dell’un linguaggio rispetto all’altro. (Antonella Ortolani in Pagina torna Pagina, sculture e libri oggetto di Mavilla)

 

E' nato a Firenze nel 1941. Attivo nel campo della pittura, scultura, libri d’artista. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia, in Turchia, Finlandia, Francia e Stati Uniti. I libri d’artista sono presenti nelle collezioni della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, nella Biblioteca Nazionale del Lussemburgo, Biblioteca nazionale svizzera a Berna e presso la Fondazione Schlesinger di Castagnola (CH).
E' autore di saggi e cataloghi sulla pittura cinese e giapponese e sulla scultura e pittura antica e moderna. Ha scritto due studi monografici su Elisabeth Chaplin e Anton Luigi Gajoni (AION Edizioni, 2001) e due saggi monografici su Edward Munche e Egon Schiele (Rusconi Editore, 2002). Tra i suoi studi vi sono importanti contributi sulla pittura americana e inglese del Novecento. E' autore di un volume della serie "Arte del XX secolo", La scultura. Metamorfosi della materia, Electa, 2005. Ha curato il catalogo e l'ordinamento di una grande mostra sull'arte del Novecento in Toscana: l'immagine del Sacro nell'arte toscana del Novecento (AION Edizioni, 2004). E' stato curatore di mostre al Museo Marino Marini di Firenze: Renzo Gazzini, tra cronaca e storia, 1995 e Quinto Martini, 1996.
Hanno scritto di lui : Agostino Orabona, Osvaldo Prandoni, M. De Martino, Ugo Barlozzetti, Luciano Caruso, Giuliano Serafini, Marco Fagioli, Antonella Ortolani, Luisella Bernardini, Lucrezia Caliani…

 

Ad un clic da te