Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
Sei qui: Attività >> Proposte di lettura >> SanGiorgioRassegne >> Leggere a teatro. 2 parte
 

Leggere a teatro. 2 parte

Piccola guida alla stagione 2014-2015 del Teatro Manzoni

(versione pdf)

Il giuoco delle parti (9-11 gennaio 2015)

da Luigi Pirandello
adattamento Roberto Valerio, Umberto Orsini e Maurizio Balò
con Umberto Orsini e con Alvia Reale, Michele Di Mauro, Flavio Bonacci, Carlo De Ruggeri, Woody Neri
regia Roberto Valerio

Cosi è (se vi pare) ; Il giuoco delle parti ; Come tu mi vuoi di Luigi Pirandello ; introduzione di Nino Borsellino ; prefazione e note di Paolo Puppa, Garzanti, 1993

L’autore: Pirandello, figlio di Stefano e Caterina Ricci Gramitto, nacque nel 1867 a Agrigenti. L’infanzia di Pirandello non fu sempre serena ma, come lui stesso avrebbe raccontato nel 1935, fu caratterizzata anche dalla difficoltà di comunicare con gli adulti e specialmente con i suoi genitori, in modo particolare con il padre. Questo lo stimolò ad affinare le sue capacità espressive e a studiare il modo di comportarsi degli altri per cercare di corrispondervi al meglio. Studiò al Liceo classico di Palermo, poi si iscrisse alla facoltà di Lettere. Passò nel 1887 all’Università di Roma e poi a Bonn dove conseguì la laurea. Nel 1892 si sposò con Maria Antonietta Portulano, figlia di un ricco socio del padre e si trasferì a Roma. Il suo primo successo fu merito del romanzo II fu Mattia Pascal; il libro fu pubblicato nel 1904 e subito tradotto in varie lingue. Vasta e articolata è la produzione dello scrittore siciliano; dagli anni Venti in poi si dedicò prevalentemente al teatro, segnando un percorso vasto e innovativo. Nel 1934 riceve il Premio Nobel per la letteratura. Muorì a Roma il 10 dicembre 1936.

Il regista: Roberto Valerio, diplomatosi all’Accademia Nazionale di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” nel 1996, debutta proprio ne Il giuoco delle parti diretto da Gabriele Lavia. Sempre per il Teatro Eliseo di Roma prende parte a Morte di un matematico napoletano. Nel 1999 come regista firma Piagnistei di Steven Berkoff e ha recitato per Luca De Filippo ne L’arte della commedia. Ha vinto il premio Wanda Capodaglio e il premio Fondi-La Pastora.

 

In biblioteca puoi trovare:

Opere teatrali in dialetto, a cura di Alberto Varvaro, Mondadori, 2007

Novelle, Einaudi, 2006

Saggi e interventi, a cura e con un saggio introduttivo di Ferdinando Taviani, Mondadori, 2006

Il fu Mattia Pascal, a cura di Giancarlo Mazzacurati, Mondadori, 2006

Il figlio prigioniero: carteggio tra Luigi e Stefano Pirandello durante la guerra 1915-1918, a cura di Andrea Pirandello, Mondadori, 2005

Uno nessuno e centomila, a cura di Marziano Guglielminetti, Mondadori, 2004

Tutti i romanzi, a cura di Giovanni Macchia, 2 voll., Mondadori, 2003

Novelle per un anno, a cura di Mario Costanzo, voll. 1-2, Mondadori, 2001

Lettere a Lietta, Mondadori, 2009

Il gioco delle parti : vita straordinaria di Luigi Pirandello di Matteo Collura, Longanesi, 2010

Nuove archeologie: Pirandello e altri scritti di Elio Providenti, Polistampa, 2009

Album Pirandello, Mondadori, 2007

Pagine scelte di Luigi Pirandello, a cura di Andrea Camilleri, BUR, 2007

Luigi Pirandello di Roberto Alonge, Laterza, 2006

Pirandello di Marziano Guglielminetti, Salerno, 2006

Il giuoco delle parti regia di Giorgio De Lullo (DVD 2012)

La caduta degli dei di Luchino Visconti, con Umberto Orsini (DVD 2000)

 

 

Prima del silenzio (23-25 gennaio 2015)

di Giuseppe Patroni Griffi
con Leo Gullotta e con Eugenio Franceschini
regia Fabio Grossi

Scritto negli anni ’70 - come afferma il regista in una sua nota - il testo risulta ancor oggi attuale per le tematiche proposte. La storia racconta l’incontro tra due uomini: un giovane ventenne e un ultracinquantenne si sono tirati fuori dalle convenzioni della società e, pur non avendo niente in comune, vivono insieme. L’uomo più anziano è un poeta, un intellettauale loquace, il giovane, invece, è abituato a vivere senza pensieri alla ricerca di se stesso. A unirli è il fatto di sentirsi due fuorilegge della società, due individui che non riescono a “cozzare”, a relazionarsi con l’ambiente circostante.

 

L’autore: Giuseppe Patroni Griffi (Napoli, 27 febbraio 1921 - Roma, 15 dicembre 2005) è stato un regista teatrale, drammaturgo, sceneggiatore, regista e scrittore italiano. Di famiglia aristocratica napoletana, è considerato una delle personalità più versatili del panorama culturale italiano del secondo Novecento. Direttore artistico del teatro Eliseo di Roma (2002-2005), alla sua memoria è stato deciso di dedicare il teatro Piccolo Eliseo di Roma. La sua produzione è infatti maggiormente legata all’attività teatrale, piuttosto che a quella narrativa (che frequenta in maniera più saltuaria); l’autore si impone nel mondo dello spettacolo e del teatro con una serie di opere messe in scena dalla Compagnia dei Giovani di Giorgio De Lullo, Rossella Falk, Romolo Valli, Carlo Giuffré e Umberto Orsini. È anche un momento di grande vitalità del teatro italiano che spesso si imbatte nei divieti della censura (come per la messa in scena di un testo a tematica lesbica, La governante di Brancati) e che, ad ogni nuovo spettacolo, sembra spostare un po’ in avanti i limiti del cosiddetto comune senso del pudore. Infatti i personaggi di Patroni Griffi assumono nel contesto teatrale una forte caratterizzazione psicologica: giocano i loro ruoli d’anticipo e sono quasi sempre trasgressivi, portatori di una visione del mondo libertaria che tende a scardinare i tabù sociali legati alla sessualità e alla sperimentazione di diverse forme erotico-sentimentali possibili (in cui l’omosessualità ha sempre un ruolo di primo piano).

Il regista: Fabio Grossi debutta nel mondo dell’arte come attore avvicinandosi poi anche ad altri mezzi espressivi come il cinema, la televisione, la radio, il doppiaggio e la pubblicità. Dal 2004 si appassiona alla regia teatrale realizzando grandi successi nella prosa con spettacoli come: L’uomo, la bestia e la virtù, Il piacere dell’onestà di Luigi Pirandello e Le Allegre Comari di Windsor, Sogno di una notte di mezza estate da Shakespeare interpretati da Leo Gullotta. È anche autore di diversi testi teatrali.

In biblioteca puoi trovare:

La morte della bellezza di Giuseppe Patroni Griffi, Baldini & Castoldi, 2000

Tutto il teatro di Giuseppe Patroni Griffi, Mondadori, 1999

Giuseppe Patroni Griffi e il suo teatro, Bulzoni 1998

Tosca di Giuseppe Patroni Griffi (DVD 2006)

Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro, con Leo Gullotta (DVD 2010)

 

 

Lo zoo di vetro (30 gennaio - 1 febbraio 2015)

di Tennessee Williams
traduzione Gerardo Guerrieri
con Milvia Marigliano, Monica Piseddu, Arturo Cirillo, Edoardo Ribatto
regia Arturo Cirillo

 

Lo zoo di vetro di Tennessee Williams, Einaudi, 1987

 

L’autore: Tennessee Williams è stato un drammaturgo, scrittore e poeta statunitense. Nasce a Columbus nel 1911 e frequenta vari college, senza ottenere però grandi successi scolastici, ma riesce comunque a laurearsi nel 1938. Tennessee sarà lo pseudonimo scelto dal giovane Thomas Lanier Williams per ricordare - secondo la leggenda - la lotta dei suoi antenati contro gli indiani nello Stato omonimo, ed annunciare quella del giovane autore che voleva essere un’artista pioniere, all’avanguardia. E in realtà, insieme a Arthur Miller, viene considerato dalla critica come una delle figure più eminenti del teatro americano. Dopo vari lavori teatrali passati in sordina, ottiene il successo grazie all’opera Lo zoo di vetro del 1944. Due anni dopo fu portato in scena quello che sarebbe stato il suo successo maggiore e l’opera più rappresentata al momento, Un tram che si chiama desiderio. Tennessee Williams fu trovato morto nella stanza dell’Hotel Elysee a New York, ove risiedeva, il 25 febbraio 1983; incerte le cause della sua morte, dovuta secondo alcune ipotesi da un’overdose di alcool e barbiturici.

 

Il regista: Arturo Grillo, diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, lavora come attore con diversi registi fino all’incontro nel 1993 con Carlo Cecchi nella cui compagnia resta per molti anni, per debuttare poi nella regia teatrale nel 1999. Vincitore di due premi Ubu, uno come miglior regia nel 2004 e come non protagonista nel 2006, ha interpretato piccoli ruoli anche al cinema per Martone, Soldini, Labate, De Bernardi.

 

In biblioteca puoi trovare:

Teatro di Tennessee Williams, Einaudi, 1970;

Tutti i racconti di Tennessee Williams, Einaudi, 1966

A colazione con Tennessee Williams di Freddy Longo, Baldini e Castoldi, 2006

Un tram che si chiama desiderio di Elia Kazan (DVD 2006)

 

Ogni mercoledì pomeriggio sarà possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli del Teatro Manzoni nell’Atrio d’ingresso della
biblioteca.

 

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te