Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

L'incipit della settimana - Hai la mia parola

E dire che tutto era cominciato con una burla. Prima del prima ci stavamo prendendo in giro. Nostro padre ci raggiunse al campo.
Non lo sentimmo arrivare. Ci stavamo prendendo in giro con i nomignoli che usano le sorelle: quelle piccole ingiurie che non sono altro che vezzi della confidenza. Mentre ci chiamavamo secca, scema, brufolosa, stampella, culona, ridevamo a crepapelle, e pure le capre ci facevano il verso.
La voce severa ci fece diventare serie all'istante. Quell'intimità era solo nostra e la presenza di nostro padre la escludeva. Come quando balli e canti da sola e all'improvviso arriva qualcuno.
No, perché allora noi due eravamo una.

Nera e Mariagabriela sono due sorelle, legatissime l'una all'altra. Vivono in una Sardegna del tempo che fu, terra di visconti e di briganti; Nera è zoppa, Mariagabriela è molto bella e il padre decide di venderla al visconte come serva. La ragazza, però, ben presto fuggirà da una vita di soprusi e violenze e Nera andrà alla sua ricerca. Come in una fiaba, Nera si metterà in viaggio assieme a due compagni fidati, supererà difficoltà, incontrerà bizzarri personaggi e spererà in un lieto fine per lei e sua sorella.

Hai la mia parola, di Patrizia Rinaldi, Sinnos, 2020

Altre proposte di lettura sono disponibili alla pagina L'incipit della settimana

 

Ad un clic da te