Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Attività >> Incontri e conferenze >> Leggere, raccontare, incontrarsi... >> L'Archivio Sigfrido Bartolini
 

L'Archivio Sigfrido Bartolini

Presentazione del libro L'Archivio Sigfrido Bartolini, a cura di Simonetta Bartolini, Pamela Giorgi, Elena Gonnelli. Firenze, Polistampa, 2019

Giovedì 3 ottobre 2019, ore 17.00 – Biblioteca Forteguerriana

Interviene Caterina Del Vivo
Saranno presenti Simonetta Bartolini e Elena Gonnelli

Sigfrido Bartolini nacque a Pistoia nel 1932 da una modesta famiglia di operai. Si iscrisse alla scuola d’arte della propria città ma per ragioni economiche dovette cominciare a lavorare e riuscì a diplomarsi all’istituto d’arte di Firenze, come privatista, solo nel 1955. Artista dalla personalità complessa, è stato incisore, pittore e scrittore. La sua arte, che si è esplicata nella realizzazione di xilografie, incisioni all’acquaforte, acquarelli, pitture a olio, ma anche nella composizione di saggi di varia natura, ha mantenuto una coerenza assoluta, utilizzando uno stile fatto di conoscenze importanti, senza rinunciare a un linguaggio popolare, ironico, sottilmente polemico, fatto di toscanismi, anzi di “pistoiesismi” dovuti al contatto di quegli artisti che gli furono amici e compagni di strada. Bartolini è morto a Firenze nel 2007. Dopo la sua scomparsa la moglie Pina Licatese e i figli Simonetta e Alessio si sono dedicati a farne conoscere e valorizzare l’opera e la figura, facendo della sua abitazione in Via di Bigiano una Casa-museo, aperta al pubblico dal 2011 e inserita nel circuito delle Case della memoria.
Il suo archivio, conservato nella Casa-museo, comprende la corrispondenza, gli scritti editi e inediti, la rassegna stampa e un importante fondo fotografico dell'artista sedimentati nel corso della sua vita, conservati e tramandati attraverso le attività di valorizzazione della sua figura e della sua opera messe in atto dal Centro studi Sigfrido Bartolini. A questo fondo principale si aggiungono due fondi aggregati: quello di Barna Occhini e quello di Giulio Innocenti, due intellettuali legati da intensa amicizia con Bartolini. Questo piccolo testo è il frutto delle attività di riordino e descrizione archivistica iniziate nel 2015.

Simonetta Bartolini insegna Letteratura italiana e Letterature comparate alla Libera università San Pio V di Roma. È studiosa di storia della cultura del Novecento e si è occupata di autori come D’Annunzio, Soffici, Papini, Giuliotti, Occhini, Manzini, Pasolini, Comisso, Magris, delle riviste storiche dei primi anni del 20. secolo e di letteratura femminile. Nella sua carriera oltre che all’insegnamento si è dedicata anche all’attività giornalistica, collaborando a numerosi quotidiani e riviste in cui si è occupata di critica letteraria e cronaca culturale.

Pamela Giorgi, laureata in Giurisprudenza all'Università di Firenze, diplomata in Archivistica alla Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica dell’Archivio di Stato di Firenze, si occupa delle procedure di formazione e dei criteri per la tutela e l’organizzazione della documentazione storica. In particolare si occupa di archivi scolari e archivi di personalità del mondo culturale ed artistico, studiando anche le modalità di divulgazione e comunicazione dei contenuti in questi conservati. È primo ricercatore all'Istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa (INDIRE).

Elena Gonnelli è laureata in Lettere e filosofia all'Università di Bologna e in Archivistica all'Università di Firenze. Nel 2017 ha conseguito presso la Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica dell'Archivio di Stato di Firenze il Diploma in archvistica, paleografia e diplomatica. Svolge attività di archivista presso archivi pubblici e privati ed è professoressa a contratto presso l'Università di Bologna. È direttrice e socia fondatrice della Sezione Montecatini-Monsummano Terme dell'Istituto storico lucchese.

 

Ad un clic da te