Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Insettitudine

24 febbraio - 30 marzo 2014 - Art Corner, Art Teche e Art Box

Insettitudine (l’abitudine nel disegnare insetti) / mostra di Raffaello Becucci

Invito
(pdf, 1 Mb)

Sabato 24 febbraio, alle 17
Inaugurazione alla presenza dell'artista

 

Come spiega l’artista «Disegnare è un rito a cui non posso sottrarmi: la necessità di “raccontare”, attraverso un segno che, nella pratica, diventa abitudine. Non c’è nessuna novità: disegnare, dipingere per raccontare qualcosa, mettere su carta, come se stessi esplorando territori lontani, che però si trovano proprio dietro l’angolo… Così, nelle ore che trascorro allo studio, la mia attenzione (o distrazione) si pone su coloro che abitano questo luogo, presenze ormai abituali, gli insetti. Sono gli amici di ore passate a lavorare in solitudine. Li osservo mentre svolazzano nervosamente, il loro ronzio cattura il mio pensiero, portandomi a fantasticare. Sono stordito da certe presenze, così era inevitabile lavorare su di essi. Un po’ per gioco, un po’ perché mi piace sempre “scarabocchiare”, anche nei momenti di stanca, ho deciso di realizzare dei piccoli lavori su carta, quasi dei codici miniati, continuando un ipotetico “bestiario” su cui lavoro da anni».

 

Raffaello Becucci (1981), vive a Firenze. Da alcuni anni lavora, utilizzando come mezzo espressivo il disegno, ma anche la scultura, sul tema del “mostruoso”. Recuperando l’estetica dei bestiari medievali, l’artista realizza una sorta di personale “mondo perduto”, abitato da bizzarrie zoologiche, ma anche da demoni ed angeli ribelli: l’estetica e l’etica, il “mostro” che si mostra nella sua bellezza sovversiva, il “prodigio” che viene fuori grazie alla pratica dell’arte, in un gioco di rimandi e citazioni. Ed è per questo che, parallelamente, realizza lavori raffiguranti anatomie umane: ispirandosi alle illustrazioni dei manuali di chirurgia, pure in questo caso l’artista elabora, trasformando, tirando fuori simboli. Dal 2021 si dedica anche alla critica cinematografica, con il progetto “Cinefilia randagia”, organizzando incontri e scrivendo articoli e saggi sulle dinamiche del cinema di genere.

 

Ad un clic da te