Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Bonsai

1 dicembre 2023 - 5 gennaio 2024 - Vetrine e spazi espositivi interni

 

Bonsai / mostra personale di Jonathan Calugi

 


Sabato 2 dicembre, alle ore 17.30, inaugurazione della mostra con l'artista.

Invito
(pdf, 104 Kb)

“Bonsai” completa un trittico espositivo disteso su tutto il 2023 e dedicato da Calugi alla citta di Pistoia. Cominciato con “Universal Love” (in mostra a febbraio alla Libreria Lo Spazio) e proseguito con “Attratti” (a cavallo tra ottobre e novembre nelle Sale Affrescate del Palazzo di Giano), il percorso giunge a termine alla San Giorgio con una esposizione in bilico tra la minimalità del bianco e nero semplicissimo e l’esplosione del movimento e del colore, tra formati piccoli e grandi, capace di slittare, anzi volare, senza soluzione di continuità da un punto all’altro dello spazio, e dell’immaginario. La mostra sarà visitabile fino al 5 gennaio. 

 

Il filo che lega Jonathan Calugi, nato a Pistoia nel 1982, al mondo dell’arte ha a che fare con una passione spontanea, nata da contaminazioni familiari e poi riscoperta nel tempo. Il nonno, che viveva a New Orleans (Louisiana), realizzava carri di carnevale, una situazione che ha indotto Calugi a percepire la dimensione artistica del tutto realizzabile. Nonostante gli studi intrapresi in una direzione diversa, negli anni arricchisce il suo bagaglio culturale in modo autonomo, evitando percorsi formativi e affidandosi unicamente all’esperienza per capire quale mondo fosse più affine alla sua sensibilità. Attratto dal Graphic Design degli anni ’60, la sua arte è frutto di una rielaborazione personale che filtra il complesso, riducendolo alla forma più semplice possibile: predilige lo scarabocchio e il disegno lineare. Ed è infatti proprio la linea il soggetto che ricorre nelle sue opere. Calugi si rende conto di come la sua arte sia strumento di connessione, perchè interpretata in modo diverso a seconda dello sguardo di chi osserva, cui lascia l’onore di concludere l’opera. Nel 2010 è stato selezionato dal Print Magazine fra i 20 New Visual Artist Under 30 e dal’Art Director Club di New York fra i 50 Young Guns, sempre under 30, nel mondo. Nascono così numerose collaborazioni con brand internazionali quali Nike, De Longhi, Apple, Sony, Google, Facebook, Logitech, New York Times.

 

 

 

Ad un clic da te