Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Attività >> Incontri e conferenze >> Conferenze, seminari e convegni >> Anselm Kiefer. Libri per leggere il mondo
 

Anselm Kiefer. Libri per leggere il mondo

Martedì 21 maggio 2024, ore 19 Sala Dipartimenti

 

ANSELM KIEFER. LIBRI PER LEGGERE IL MONDO

Conferenza di Gabi Scardi

Invito
(pdf, 254 Kb)

All'interno del Ciclo di conferenze Sguardi su Anselm Kiefer, collegato all'esposizione Anselm Kiefer, Angeli caduti (21 maggio - 21 luglio 2024) di Palazzo Strozzi (Firenze), la Biblioteca San Giorgio ospita una conferenza della storica dell'arte Gabi Scardi proprio nello spazio antistante l'opera di Anselm Kiefer Die grosse Fracht / Il grande carico.

La conferenza è ad ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Nell'occasione, la Biblioteca chiuderà alle ore 21.

*

La presenza del libro, nell’ambito dell’attività di Anselm Kiefer, è pervasiva. Libri dipinti, libri sculture, libri accumulo capaci di contenere l’immensità dell’esperienza umana. Libri di ogni dimensione, di carta, di terra, di metallo. Libri come nastri trasportatori della storia e delle sue vicende, veicoli di visioni, di idee e di civiltà; a loro volta in viaggio attraverso il tempo e lo spazio. Molto più spesso, libri che è impossibile sfogliare; bruciati, o sigillati: destinati a conservare il proprio contenuto come scrigni, o come tombe.

Spinto da un impulso conoscitivo onnivoro, Kiefer si muove da sempre tra il passato, remoto o recente, e il mondo contemporaneo. L’evocazione letteraria e il riferimento ai miti e ai riti di ogni cultura e di ogni tempo lo hanno accompagnato in tutto il suo lungo percorso e di frequente hanno trovato una sintesi proprio nel motivo del libro.

Il suo lavoro – mai leggero, mai lenitivo – ha origine in una percezione acuta del lato oscuro della storia. È forse per questo che i suoi libri, prima ancora che lirici, tendono a essere monumentali. In molti casi sono fatti di piombo: a evocare il peso tragico della storia, nella sua inarrestabile dialettica di elevazione e distruzione, e la sua dimensione potenzialmente tossica. E, tuttavia, l’artista non rinuncia a evocare i grandi traguardi dell’umanità in termini di conoscenza. Proprio il riferimento ricorrente al tema del libro, simbolo della dimensione in cui la conoscenza in quanto grandiosa avventura collettiva si esprime e si conserva, testimonia della sua inesausta fiducia nel sapere e nella sua possibilità di essere trasmesso.

 

Gabi Scardi è curatrice, scrittrice e docente di Arte Contemporanea. La sua ricerca è principalmente focalizzata sulle ultime tendenze nelle pratiche artistiche contemporanee, particolarmente per quelle che includono un’intersezione tra l’arte visuale e l’architettura, il design e la cultura urbana. Ha curato varie mostre e progetti artistici per diversi spazi in Europa e nel mondo, tra cui la Pitzer Art Galleries di Los Angeles, la Biennale di Lyon, la Royal Academy di Londra, il MAXXI di Roma, il San Francisco Art Institute; la Biennale del Design di Gwangju. Ha all'attivo molte pubblicazioni in volume e interventi in cataloghi e riviste. Collabora stabilmente con giornali e riviste trai quali, il supplemento domenicale de Il Sole 24 Ore.

 

Puoi leggere

 

Ad un clic da te