Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Tutt'altro che tipici

 

<<Jason>>. La voce di mio padre è più forte, più energica.
<<Non sei nei guai e non sono arrabbiato con te>>.
Arrabbiato.
In inglese, mad.
Triste.
In inglese, sad.
Papà.
In inglese, dad.
E' una famiglia di parole. Come gatto, matto, tatto.
Devi solo cambiare una lettera e tutta la parola cambia.
Come le persone. Vorrei tanto cambiare una lettera e rendere tutto migliore.

(Nora Raleigh Baskin, Tutt'altro che tipico)

Jason ha dodici anni ed è stato certificato come autistico. Non gli piacciono i posti affollati, non vuole che gli altri lo tocchino, se qualcosa lo fa agitare inizia a sfarfallare le mani vicino al viso e a volte finisce per tirarsi i capelli. Sa di essere diverso dai normotipici, cioè da chi non è autistico, ma si rende conto che anche i cosiddetti normali hanno le loro particolarità e vede che non è facile rapportarsi con gli altri, perché spesso non esprimono i loro sentimenti e pensieri con sincerità. Per questo evita di guardare chi gli parla, così non rischia di essere tradito da false espressioni facciali.
E preferisce scrivere, piuttosto che parlare. Giocare con le parole, metterle nero su bianco e inventare storie per poi postarle su Storyboard, un sito di narrativa per aspiranti scrittori. Mentre a scuola deve fare i conti con i compagni che lo prendono in giro e con gli insegnanti che per aiutarlo peggiorano soltanto la situazione, su Storyboard non deve avere paura delle reazioni altrui, anzi, si sente libero di stringere amicizia con una ragazza che si firma come Phoenixbird e che dice di apprezzare molto i suoi racconti.
Jason si innamorerà di Phoenixbird, ma quando scoprirà che anche lei andrà al raduno degli autori di Storyboard, andrà nel panico: e se, vedendolo, lei non vorrà più essere sua amica? L’incontro tra i due ci sarà e con grande sorpresa di Jason, quando Phoenixbird lo guarderà non vedrà niente di atipico. Cosa accadrà in seguito non lo sappiamo, la storia di Jason ha un finale aperto, come quello dei racconti che ama inventare.

Tutt’altro che tipico di Nora Raleigh Baskin racconta l’autismo per raccontare la diversità, non come una malattia da analizzare, bensì attraverso i comportamenti, i sentimenti e i pensieri di Jason.
Di seguito viene proposta una scelta di romanzi che narrano storie di ragazze e ragazzi tutt’altro che tipici, consapevoli di non essere “normali” e delle difficoltà che devono affrontare per vivere in un mondo di “tipici”. Non per questo, però, rinunciano all’amicizia, all’amore, alle tante esperienze che la vita riserva.

Il mistero del London Eye, di Siobhan Dowd, Uovonero, 2011
Ted, Kat e Salim sono in visita al London Eye, la grande ruota panoramica di Londra. Salim ci salirà per primo e da quel momento nessuno saprà più nulla di lui. Un vero e proprio mistero, raccontato da Ted, un ragazzo diverso dagli altri, che si darà da fare per scoprire che fine abbia fatto Salim.

Smart, di Kim Slater, Il Castoro, 2015
Kieran è un ragazzino speciale con una grande passione per il disegno. Per sfuggire ai maltrattamenti del patrigno, trascorre molto tempo in riva al fiume. Dove verrà ripescato il corpo di un barbone suo amico.

Luna, sei il mio sole, di Angela Johnson, Salani, 2005
La vita di Lila, una bambina affetta da una grave allergia ai raggi solari che la costringe a vivere di notte. Una vita niente affatto triste, bensì ricca di esperienze e di amicizie vere.

Le parole giuste, di Silvia Vecchini, Giunti Junior, 2014
Emma è dislessica, a scuola finirà nel gruppo di recupero, potenziamento e sostegno. Sarà per questo che le sue amiche la evitano?

Mio fratello Simple, di Marie-Aude Murail, Giunti, 2009
Simple ha 23 anni anagrafici e il cervello di un bambino di 3. Vive con suo fratello insieme ad altri studenti. Assieme a loro capirà cosa sono l’amore e l’amicizia e darà nuovi significati alla diversità.

Un pesce sull'albero, di Lynda Mullaly Hunt, Uovonero, 2016
Ally è dislessica, ma è così furba che nessun insegnante si è mai accorto del suo problema, limitandosi a classificarla come “lenta”. Fino a quando un nuovo professore capirà.

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, di Mark Haddon, Einaudi, 2003
Christopher indaga sull’uccisione del cane della vicina di casa. Ha quindici anni, è affetto da una grave forma di autismo ed è un genio della matematica.

Melody, di Sharon M. Draper, Feltrinelli, 2016
Quante cose avrebbe da dire Melody, se solo potesse parlare! Ma lei non può parlare, né scrivere, né camminare. Per fortuna un marchingegno elettronico le darà voce e i suoi amici potranno finalmente comunicare con lei.

Mio fratello rincorre i dinosauri, di Giacomo Mazzariol, Einaudi, 2016
La storia di Giacomo e Giovanni, due fratelli. Giovanni ha la sindrome di Down e Giacomo vuole proteggerlo dai pregiudizi di chi non lo conosce e non sa che quel bambino è forte come un supereroe.

Downtown, di Noel Lang, Rodrigo Garcìa, Sonda, 2015
Un fumetto che racconta la vita di Edo, un ragazzino con la sindrome di Down. Questa sua specialità passa in secondo piano, perché lui ha altro a cui pensare, ha una fidanzata e tanti amici da gestire.

La linea del traguardo, di Paola Zannoner, Il Castoro, 2017
In seguito ad un incidente, Leo finisce su una sedia a rotelle. Non sarà facile per lui accettare questa sua nuova condizione, ma troverà un aiuto in Viola, giovane promessa del’atletica che, nonostante il fare snob, gli sarà vicina.

Il cuore sulla fronte: due ragazze, l'handicap, la vita, di Loredana Frescura, Fabbri, 2005
L’amicizia tra due ragazze, Giulia piena di vitalità e innamorata del ballo, e Grazia che si sente prigioniera della sedia a rotelle sulla quale è costretta a stare. Scopriranno di avere molte cose in comune.

Wonder, di R.J. Palacio, Giunti, 2013
August è affetto da una malformazione facciale. Ha dieci anni e fino ad ora è rimasto al sicuro nel nido familiare. Adesso, però, è giunto il momento di entrare nel mondo della scuola e di confrontarsi con gli altri.

Tutt'altro che tipico, di Nora Raleigh Baskin, Uovonero, 2013
La vita di Jason, autistico, che non capisce lo strano mondo delle persone “normali” e si trova a proprio agio soltanto quando scrive, inventando storie che poi pubblica su un blog per giovani aspiranti autori.

Quello che gli altri non vedono, di Virginia Macgregor, Giunti, 2016
Milo è un bambino con una malattia che lo renderà progressivamente cieco. Questo non gli impedirà di occuparsi di sua nonna e di indagare sugli strani fatti che accadono nella casa di riposo nella quale lei vive.

La ballata di Jordan e Lucie, di Christophe Léon, Camelozammpa, 2016
Lucie, tredici anni, si offre come volontaria per affiancare Jordan, un ragazzo affetto da handicap mentale. Non sarà facile trovare il canale giusto per comunicare con lui, ma, una volta trovato e spazzati via i pregiudizi, Lucie scoprirà di stare bene con Jordan e si sentirà libera di essere se stessa.

La bambina, il cuore e la casa, di Marìa Teresa Andruetto, Mondadori, 2016
Tina vive con il padre e la nonna. Sua mamma vive in un’altra città con il fratellino Pedro, affetto dalla sindrome di Down. Soltanto la domenica la famiglia si riunisce, per un giorno. Qual è il motivo di questo vivere separati?

Diario assolutamente sincero di un indiano part-time, di Sherman Alexie, Rizzoli, 2015 L’autobiografia di Junior, che decide di lasciare la riserva degli indiani a Wellpinit nella quale vive, per frequentare una scuola di bianchi. E’ affetto da idrocefalia, balbetta ed è il bersaglio ideale per i bulli…

Il sole fra le dita, di Gabriele Clima, San Paolo, 2016
Dario, sedici anni, è costretto a prestare assistenza ad Andrea, ragazzo disabile. Apparentemente molto diversi l’uno dall’altro, scopriranno di essere accomunati da un desiderio di ribellione che li porterà lontano, in un vero e proprio viaggio “on the road”.

Mio fratello è un custode, di marine Carteron, Uovonero, 2016
Auguste è deciso a scoprire chi ha ucciso suo padre, membro della Confraternita. Lo aiuterà Cesarine, sua sorella, autistica, tanto geniale quanto problematica nel rapporto con gli altri.

L’amico immaginario, di Matthew Dicks, Giunti, 2014
Budo è l’amico immaginario di Max, un bambino autistico che l’ha creato per supplire alla mancanza di amici in carne e ossa. Un giorno Max viene rapito all’uscita di scuola… e Max è l’unico ad aver visto cosa sia accaduto.

Tutto quello che vorrei, di Anna Pavignano, EL, 2013
La storia dell’amore tra Michela e Fabio, che si muove con l’aiuto dei un deambulatore. Un amore sincero che dovrà vedersela con i pregiudizi dei genitori, che faranno di tutto per impedire ai due di stare insieme.

Dragon Boy, di Guido Sgardoli, Piemme, 2018
Max viaggia con le stampelle e ha l’apparecchio acustico. Perché qualcuno di misterioso vuole che lui legga le avventure di Dragon Boy, un supereroe dotato di un superudito e di armi invincibili?

Scarica la rassegna
       (pdf, 1,58 mb)

 

Ad un clic da te