Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: San Giorgio Ragazzi >> Dire & fare >> Cinema ragazzi >> Schermi di classe
 

Schermi di classe

In questo momento particolare, in cui la chiusura delle scuole rende obbligatorio ripensare l’attività didattica, Cinemovel, Libera e MYmovies propongono il film come strumento per un’attività differente che dalla visione in streaming attiva un’azione di confronto e dialogo a distanza, con la proposta di quattro film insieme ai registi che risponderanno in collegamento video alle domande del pubblico.

Per partecipare è necessario selezionare il film e pronotare gratis il posto al link

Calendario degli spettacoli

La guerra dei cafoni, un film di Davide Barletti, Lorenzo Conte.
Durata 90 minuti - Italia 2017. Inizio spettacolo: 16/04/2020 16:00:00

Il film - L’eterna lotta tra ricchi e poveri rivive in una guerra tra due bande di adolescenti, in una Puglia magica dove è bandita ogni presenza adulta. A Torrematta, territorio selvaggio e sconfinato in cui non vi è traccia di adulti ogni estate si combatte una lotta tra bande: da una parte i figli dei signori e dall’altra i figli dei cafoni. Davide Barletti e Lorenzo Conte sono riusciti a portare con successo sullo schermo un progetto ambizioso. A partire dal casting, formato da adolescenti alla loro prima esperienza cinematografica, un lungo percorso laboratoriale li ha condotti a prestazioni di estrema naturalezza, fondamentali per l’esito di una messa in scena complessa, ispirata al romanzo omonimo di Carlo D’Amicis.

La zuppa del demonio, un film di Davide Ferrario
Durata 80 minuti - Italia 2014. Inizio spettacolo: 21/04/2020 16:00:00

l film - Lo sviluppo industriale e tecnologico ha accompagnato l'intero XX secolo come idea positiva. A lungo si è ritenuto che l'industrializzazione e il progresso avrebbero portato a un sostanziale e irreversibile mutamento della società. Utilizzando i materiali messi a disposizione dall'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa del Centro Sperimentale di Cinematografia d'Ivrea, il documentario mostra come questa idea si sia concretizzata attraverso i decenni. Davide Ferrario parla attraverso il montaggio di film industriali provenienti dall’Archivio del Cinema Nazionale d’Impresa di Ivrea. Le immagini vengono accompagnate dalle parole di Primo Levi, Calvino, Buzzati, Bocca, Bianciardi, Marinetti, Parise, Gadda.

La mia classe, un film di Daniele Gaglianone.
Durata 92 minuti - Italia 2013. Inizio spettacolo: 23/04/2020 16:00:00

Il film - Ambientata nel quartiere multietnico del Pigneto a Roma, La mia classe è la storia di una classe di emigranti e stranieri che imparano l’italiano. Il film si compone delle vicende individuali degli studenti e dell’insegnante: un racconto vero che nasce tra mura scolastiche non convenzionali. Un racconto vero? Certamente per le voci e i ricordi dei ragazzi che siedono sui banchi; diversamente vero per l’attore Valerio Mastandrea che si cala nel ruolo del loro insegnante; altrimenti vero per il regista e la troupe che entrano ed escono di scena in un incrocio di esperienze reali e di ricerca della verità nella finzione che si rivela essere l’autentico nucleo narrativo di questa storia. Più vera del vero.

La nave dolce, un film di Daniele Vicari.
Durata 90 minuti - Italia, Albania 2012. Inizio spettacolo: 28/04/2020 16:00

Il film - Il caldo, la sete, la luna, la folla, la solidarietà, le luci di Brindisi, il cambio di rotta, le risate, il segno della vittoria, lo stadio di Bari, la fame, le rivolte: sono diversi e dettagliati i ricordi delle persone intervistate nel documentario di Daniele Vicari. La nave dolce narra la storia di Vlora, la nave che l’8 agosto del 1991 ha portato ventimila persone albanesi in Italia. I racconti della vita vissuta in un regime, da cosa scappavano queste persone? L’arrivo a Bari, la speranza nell’Italia, mondo diverso veicolato dalle immagini della televisione. E una volta qui, che succede? Il documentario alterna i racconti e le immagini di un viaggio e di uno sbarco disperato, di chi si buttava dalla nave per ascoltare il proprio bisogno di libertà, di chi si affidava all’ignoto.

 

 

Ad un clic da te