Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Ragazzi randagi

Ero stata brava per quasi una settimana. Solo una rissa, un record per me. Dovevo saperlo che non poteva durare. Stavo attraversando il parcheggio vicino al pub dell'angolo con Riley e la sua banda, quando uno di loro ha visto Rob che veniva verso di noi. Sapevo che sarebbe successo qualcosa. Rob è quel genere di ragazzo. Non stava facendo niente, non ce n'era bisogno. E' solo che lui era sbagliato. Tutto in lui era sbagliato. La forma sbagliata, i vestiti sbagliati. Le orecchie sbagliate. Sì, hai sentito bene, le orecchie sbagliate.

-Ma guarda com'è messo quello – ha detto Riley. - Che ritardato. Guarda che orecchie.

-Che t'importa delle sue orecchie? - ho chiesto. Mi interessava davvero. Sì, insomma: le orecchie?

-Ora te lo faccio vedere – ha risposto Riley. - Ohi, Robbie! - ha detto, e l'ha afferrato. Poi gli ha stretto un braccio attorno al collo e gli ha chiuso la testa in una morsa.

Mi avevano buttato fuori dalla Brant la settimana prima e stavo facendo il possibile per tenermi lontana dai guai. […]

Ed ecco che dovevo starmene lì a guardare mentre maltrattavano quel ragazzo grasso, solo perché avevano un problema con la forma delle sue orecchie.

Normalmente avrei dato di matto, ma stavolta sono rimasta a guardare. Ho pensato: “Non sono affari tuoi, Billie. Lascia perdere. Non lo uccideranno. E' soltanto dolore.

(Melvin Burgess, Kill All Enemies)

Billie ha quindici anni, è stata tolta alla madre alcolizzata e data in affido a diverse famiglie. Ha cambiato scuola più volte, perché coinvolta in violente risse. Adesso che la madre ha smesso di bere, i suoi figli sono tornati a vivere con lei, ma non Billie, troppo “difficile” da gestire. Per lei, ogni occasione è buona per picchiare. A niente servono le punizioni, gli aiuti degli assistenti sociali. Quando ferisce gravemente un ragazzo e teme l’ennesima denuncia, fugge, cercando accoglienza da un amico. Nemmeno lì, però, troverà pace e qualcuno di cui fidarsi.
Chris è fermamente convinto dell'inutilità della scuola e si rifiuta di fare i compiti sia in classe che a casa. Si prende costantemente gioco dei professori, inimicandosi l'intero corpo docente, che non vede l'ora di espellerlo. Si comporta come un bullo con i coetanei e con gli adulti, non rispetta i genitori e non cede alle loro richieste di mettersi a studiare. L’unica attività che pare interessargli è la gestione di un sito di vendite online. Quando verrà espulso da scuola e spedito in un centro di recupero per ragazzi con problemi comportamentali, si scontrerà con Billie e finalmente scoprirà il motivo per cui odia leggere e scrivere.
Rob vive con la madre, il fratello e il patrigno. E' obeso e adora la musica Metal. E' deriso dai bulli della scuola. Quando sua madre se ne va di casa, Rob è costretto a subire i maltrattamenti da parte del patrigno. Trova la forza di sopportare le violenze grazie a una maglia che gli ha regalato sua madre, è una maglia del gruppo musicale dei Metallica che scatena la furia dei bulli di quartiere appena la vedono… Rob viene picchiato pesantemente e la maglia è ridotta a uno straccio. Ritenuto responsabile della rissa che lo ha visto vittima, viene indirizzato nella stessa struttura che ospita Billie e Chris.
La pazza, lo sfaticato e il ciccione – così appaiono agli occhi degli altri – si scopriranno simili, tre adolescenti in crisi alla ricerca di qualcuno che li ascolti e li aiuti a crescere.

L’autore: Melvin Burgess
Nato nel 1954 nel Sussex, in Inghilterra. Grazie alla frequenza di un corso di giornalismo, scopre la passione per la scrittura. Dopo essersi dedicato alla stesura di racconti brevi e radiodrammi, approda alla narrativa per ragazzi e diventa un apprezzato autore di romanzi per adolescenti. Con “Junk”, edito nel 1997, vince la Carnegie Medal e il Guardian Children's Fiction Prize.
I protagonisti delle sue storie sono adolescenti istintivi, ricchi di contraddizioni, talvolta cattivi, dai comportamenti mai scontati, che sbagliano, vivono sfidando i propri limiti e sperimentano gli eccessi non accettando i tabù imposti dal mondo degli adulti. Per questo, Burgess è un autore anticonformista e sovversivo, e così lui stesso motiva il suo essere scrittore per giovani lettori: “Gli adolescenti sono esposti a esperienze rischiose, ma devono fare esperienze, perché devono vivere. E’ per questo che scrivo di loro.” (Gabriella Zucchini e Davide Pace, "Intervista a Melvin Burgess", Liber, n. 110 (apr. - giu. 2016), p. 46-48)
Sito ufficiale dell'autore: melvinburgess.net

Di lui puoi leggere
Kill All Enemies, Mondadori, 2016
Billie è aggressiva, si caccia sempre nei guai. Chris si rifiuta categoricamente di studiare ed è in lotta con i propri genitori. Rob è obeso, vive con il patrigno, che lo maltratta. Tre storie di adolescenti “difficili”, le cui strade si incroceranno, per cercare insieme un lieto fine.

Innamorarsi di April, Mondadori, 2004
April è bellissima e sorda. Il villaggio nel quale vive le è ostile e i ragazzi si prendono gioco di lei, considerandola alla stregua di un animale. Quando April conoscerà Tony crederà di poter finalmente vivere in pace. Ma non sarà così, i due dovranno scontrarsi ancora con i pregiudizi e i comportamenti crudeli degli altri, che non accetteranno il loro amore.

Lady, Mondadori, 2004
Sandra ha diciassette anni e vive senza regole, non ascolta i genitori né le amiche, l’unico suo pensiero è divertirsi in piena libertà. Un giorno un barbone la trasforma… in un cane! Adesso il suo nome è Lady e le sue attività principali sono correre e cacciare. Quando tornerà a casa e sua madre riconoscerà in quel bastardino la figlia, Sara dovrà scegliere se tornare umana o restare”canificata”.

Il nibbio, Mondadori, 2004
Taylor ha una grande passione per gli uccelli. Suo padre lavora come guardiacaccia nella tenuta di Reg Harris, che ama organizzare sanguinose battute di caccia. Quando verrà a sapere che una coppia di rarissimi nibbi ha nidificato nei boschi di sua proprietà, Harris ordinerà al guardiacaccia di uccidere loro e i loro piccoli. Taylor riuscirà a salvarne uno, ma riuscirà a proteggerlo quando aprirà la stagione della caccia?

Billy Elliot , Fabbri, 2002
Billy ha dodici anni, sua madre è morta, suo padre e suo fratello sono minatori di carbone impegnati in un durissimo sciopero. Ha un sogno, danzare e diventare un ballerino. Riuscirà ad avere il sostegni dei suoi familiari, che tutto vorrebbero tranne che vederlo sulle punte?
Il romanzo è basato sulla sceneggiatura del film “Billy Elliot” del 2000.

La tigre, Mondadori, 1998
Lila è una giovane tigre che sfugge ad una strage all'interno del parco naturale nel quale vive. Impaurita, vaga alla ricerca di un luogo sicuro, ma è braccata da chi la vuole catturare. Sa che può fidarsi di Steven, un ragazzo che cercherà di aiutarla in tutti i modi possibili, affascinato da quello splendido felino che qualcuno vuole utilizzare per scatenare la violenza all'interno del villaggio.

Dolcemosca e la bambina, Mondadori, 1999
Dolcemosca, Dritto e Jane sono “bambini della spazzatura”, vivono in mezzo ad una discarica in cerca di cibo e di rifiuti da riciclare. Un giorno troveranno una neonata rapita e la porteranno con sé sognando una ricca ricompensa che cambierà la loro vita. Ma non sarà così facile fuggire dalla baraccopoli e separarsi da Sy, la piccolina alla quale Jane si è affezionata.

Junk, Mondadori, 1997
Tar e Gemma hanno quattordici anni e sognano di fuggire da una vita che li soffoca. Tar lascerà un padre violento e una madre alcolizzata per trasferirsi a Bristol, in una casa occupata. Gemma lo raggiungerà, dicendo addio a una famiglia che la opprime. Insieme, si abbandoneranno a una vita di eccessi, Tar cadrà nella rete delle droghe diventando un “junk”, un tossico totalmente sottomesso all’eroina. La loro storia d’amore non avrà un futuro, ma darà il via ad una serie di vicende vissute intensamente.

Il rogo, Mondadori, 1993
Inghilterra, XVII secolo. Una ragazzina, Isabel, è per tutti Issy la Bruciata, la figlia di una strega e ora orfana dei genitori. Il padre adottivo non riuscirà a liberarla dagli incubi che la tormentano e nemmeno Johan, una donna amica di sua madre, sarà in grado di salvarla dai pregiudizi e dalla caccia alle streghe che imperversa nel paese in cui Issy abita. Riuscirà a sfuggire alle fiamme del rogo riservate alle streghe?

Scarica la rassegna 
        (pdf, 929 kb)

 

Ad un clic da te