Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
Sei qui: Attività >> Incontri e conferenze >> Incontri con autori >> Archivio Incontri con gli autori >> Presentazione del libro "Gianna Manzini" di Nadia Verdile
 

Presentazione del libro "Gianna Manzini" di Nadia Verdile

#duemilamotiviper

Evento #1037

Presentazione del libro Gianna Manzini di Nadia Verdile (Pacini Fazzi, 2017)

martedì 12 settembre 2017, ore 17 - Sala Gianna Manzini

 

Con l'autrice Nadia Verdile e l'editrice Francesca Fazzi.

Sarà presente Rossella Baldecchi, autrice del dipinto Il cielo addosso, ispirato a Gianna Manzini.

Presentazione a cura delle sezioni FIDAPA di Pistoia e Lucca, con la collaborazione degli Amici della San Giorgio.

 

Invito
(pdf, 576 Kb)

 

Dalla presentazione editoriale del libro:

Nell’anno di Pistoia capitale italiana della Cultura, una nuova biografia di una Pistoiese illustre. Una Italiana, una scrittrice come poche altre. «Raccogliermi l'anima e tenerla in fronte come la lampada dei minatori: nient’altro che una particolare attenzione, in virtù della quale le cose escono da un’ombra che le preserva, un’ombra fermentante, faticosa, bruta, l’ombra dell’attimo che precede una nascita, per entrare in un cerchio di chiarità». Delle cose la scrittrice Manzini cattura un’immagine frantumata e distorta, bislacca quanto il riflesso dello specchio. Però, come lo specchio, alle cose aggiunge un luccichio sepolto, dietro l’apparenza sorprende la realtà. La ricerca espressiva è ardimentosa. I libri procedono per approssimazioni, sospensioni e dilatazioni dell’intreccio; sperimentano la costruzione del racconto secondo angolature e piani diversi, il continuo spostamento del fuoco narrativo. «Certamente la Manzini», ha scritto Giacomo Debenedetti, «è riuscita e riesce a pronunciare parole che, fino all’attimo precedente, avevamo creduto impronunciabili. [...] In tal modo [...] ci può descrivere un visibile che anche noi dovremmo vedere, ma da soli non vedremmo mai».

Nadia Verdile, giornalista de Il Mattino, appassionata e da sempre sensibile alla valorizzazione del patrimonio culturale italiano, è stata nota alle cronache qualche anno fa in particolare per la lotta, condotta  insieme all’ex ministro per i Beni culturali Massimo Bray per riportare la Reggia borbonica di Carditello sotto la proprietà dello Stato.  Una azione molto coraggiosa, conclusasi con una vittoria delle istituzioni e della legalità e con la riapertura al pubblico nel 2016, ma che portò la Verdile, come Massimo Bray, ad essere minacciata di morte.  È stata lei ad aver ideato e a dirigere la collana “italiane” per la casa editrice Pacini Fazzi.

 

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te