Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
 

Lupo Alberto compie 40 anni

immagine tratta dal web

Guido Silvestri, in arte Silver (Modena, 9 dicembre 1952), da sempre appassionato di fumetti, nel 1969 si iscrive all'Istituto d'Arte di Modena e comincia a collaborare con Bonvi (Franco Bonvicini), per il quale disegna Capitan Posapiano per la rivista "Cucciolo", dell'editrice Alpe. Il primo personaggio importante è però Cattivik, che compare su "Tiramolla", con testi di Bonvi e, successivamente, quando, nel 1974, Cattivik si trasferisce sul "Corriere dei Ragazzi", scritti da lui stesso. Dopo la leva, la collaborazione tra i due artisti continua e dà vita a importanti tavole per il "Corriere dei Ragazzi" (il nuovo nome del "Corriere dei Piccoli"), a cui lavoravano, tra gli altri, Dino Buzzati, Gianni Rodari e Mino Milani. A Milano, viene in seguito contattato dalla casa editrice Dardo per collaborare alla rivista "Undercomics": è qui che Silver recupera un vecchio progetto, ambientato in una fattoria. Il lavoro, che non vide mai la luce, viene poi mostrato a Giancarlo Francesconi, direttore del "Corriere dei Ragazzi", che lo incoraggia a farlo diventare una vera e propria serie. Il titolo è inizialmente "La Fattoria dei McKenzie", ma Alfredo Castelli, uno dei caporedattori, sceglie di sua iniziativa il nome "Lupo Alberto".

Le prime strisce compaiono nel 1974, ma Lupo Alberto diventa un albo mensile solo a partire dal maggio del 1985. Da allora, la fortuna del lupo più famoso d'Italia non ha smesso di crescere, arrivando a 1038 strisce, 4453 tavole, 392 storie, e trasformandosi anche in un cartone animato andato in onda sulla trasmissione Supergulp.

Per approfondire
(pdf, 766 kb)

 

 

Ad un clic da te