Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Ligabue
 

Ligabue

Rimasti con il desiderio di ammirare l’interpretazione di Elio Germano nei panni del pittore Ligabue, nel film “Volevo solo nascondermi”, c’è sempre l’opportunità di poter rivedere o magari scoprire per la prima volta la maestria di Flavio Bucci nell’interpretare lo stesso pittore nell’omonimo sceneggiato Rai del 1977 diretto da Salvatore Nocita.
Lo sceneggiato venne trasmesso in prima serata in tre puntate, dal 22 novembre al 6 dicembre. A quei tempi Raiuno era il Canale 1. Tra gli sceneggiatori spicca il nome di Cesare Zavattini e un cast di attori - Pamela Villoresi, Giuseppe Pambieri e Alessandro Haber per dirne alcuni - che avrebbero fatto grande il cinema italiano.
È difficile da crederci oggi ma ci sono stati momenti in cui la televisione ha avuto momenti di eccellenza e uno fu proprio con questo sceneggiato, in cui si volle stupire il pubblico e si scelse alla perfezione per un personaggio così freak l'attore più freak. Bucci ne ricevette una "popolarità clamorosa", poi dissolta in una vita "orgogliosamente dissoluta".
Ma chi era mai Ligabue noto anche in Italia come 'El Tudesc'? Affetto da gotta, rachitismo, psicolabilità e soggetto ad attacchi di furia tanto violenti da richiedere più volte il ricovero psichiatrico, era figlio di una donna italiana migrata in Svizzera. Affidato poi a una coppia del posto, con la quale matura rapporti di amore e odio, a un certo punto Ligabue si ritrova ad aggredire la madre adottiva tanto da venir espulso dalla Svizzera. Arriva così finalmente in Italia, a Gualtieri in provincia di Reggio Emilia, dove inizialmente vive come un barbone tra mille disagi sulle rive del Po. È qui che inizia davvero a dipingere, soprattutto animali come leoni, giaguari, gorilla e tigri, ma su uno sfondo a stridere, quello dei pioppi e delle banchine del fiume Po. Ed è ancora qui che incontra lo scultore e pittore Renato Marino Mazzacurati che lo introduce al mondo dell'arte. 

Ecco la risorsa disponibile su RaiPlay

 

Ad un clic da te