Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: San Giorgio Ragazzi >> Vietato ai maggiori >> Lettori si cresce - Le recensioni dei ragazzi >> Archivio delle recensioni >> Le recensioni dei ragazzi - Smamma, di Valentina Diana
 

Le recensioni dei ragazzi - Smamma, di Valentina Diana

 

Questo romanzo racconta la storia di una madre in crisi a causa del rapporto con il figlio adolescente, chiuso nel suo mondo impenetrabile, impassibile ai suoi tentativi di instaurare un dialogo e che ripete invece ostinatamente il fatidico ordine: “Smamma!”
Nasce così il racconto dei problemi di vita quotidiana di una mamma, un’attrice, una compagna, una donna che cerca di destreggiarsi fra la carriera e il rapporto con il nuovo compagno e che soprattutto si trova alle prese con il suo compito di madre e di educatrice, così trascurato negli ultimi tempi a causa del lavoro che la porta in giro per il mondo. La vicenda è interamente narrata dalla protagonista, leggiamo i suoi pensieri, che si incentrano soprattutto su tutti gli sforzi e le azioni che compie per dimostrare di essere una buona madre e di amare suo figlio, al quale si rivolge direttamente, nonostante tutte le cose che gli vuole dire restino immancabilmente dentro di lei. C’è comunque un’evoluzione positiva, che porterà la madre alla comprensione e all’accettazione del suo ruolo nella vita del figlio, che è quello di vederlo come un essere umano e di fare tutto il possibile per offrirgli le migliori opportunità e l’amore che solo una madre sa donare.
È un romanzo fresco, acuto, comico, ironico, liberatorio, che fa capire quanto sia difficile il mestiere del genitore e aiuta gli altri a sentirsi meno soli nei propri dubbi e nelle proprie difficoltà nell’adempiere a questo arduo compito; è piacevole da leggere ed estremamente scorrevole grazie alla tecnica narrativa utilizzata.
(Recensione di Irene, Classe IV Liceo Scientifico Amedeo Duca d'Aosta)

Valentina Diana è nata a Torino nel 1968. Lavora in teatro come attrice e dramaturg. Per il teatro ha scritto: Fratelli, Ricordati di ricordare cosa? (Premio nazionale di drammaturgia contemporanea “Il centro del discorso” 2009), La bicicletta rossa (Premio Eolo Awards 2013 per la drammaturgia), Swan e La comitragedia spaziale. Smamma (Einaudi 2014) è il suo primo romanzo.

 

 

 

 

 

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te