Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
Sei qui: La rassegna del mese
 

La rassegna del mese

Abbiamo perso il futuro. Gli scenari della "fine del mondo" cambiano, ma la perdita del futuro è dentro di noi e noi ne siamo i portatori, anche se non condividiamo le ragioni di chi immagina un avvenire di catastrofi e magari non le conosciamo nemmeno. Viviamo in un mondo che fa sempre più fatica a guardare oltre il proprio presente: perfino in quelle attività umane, come la letteratura e le arti, di cui in passato si pensava che dovessero tendere al sublime, cioè a qualcosa di eterno.
(Sebastiano Vassalli)

 

(versione pdf)

È dai tempi dell’Antico Testamento che l’uomo si diletta a immaginare il mondo ridotto a un luogo inabitabile. Uno spazio senza regole, dove la civiltà è un avanzo del passato e il futuro una lotta per la sopravvivenza perpetrata con mezzi scorretti, per non dire disumani. In narrativa questa fascinazione per il genere post-apocalittico è maturata fino a divenire un genere letterario che incarna a pieno titolo lo spirito del nostro tempo. Scenari distorti, metropoli immaginarie, società senza regole sono alcuni degli ingredienti che caratterizzano il romanzo distopico. Il termine, coniato nel 1868 da Stuart Mill, si colloca in antitesi al concetto di utopia: se quest'ultima indica la città ideale per eccellenza, la distopia prospetta una comunità che vive senza regole in un ambiente piegato da calamità naturali o raso al suolo dallo sfruttamento degli uomini. La letteratura distopica traspone delle tendenze potenzialmente negative del presente in un futuro più o meno prossimo. Leggere questi romanzi ci permette di visualizzare alcuni terribili scenari che il futuro potrebbe rivelarci e al tempo stesso ci aiuta a sviluppare una maggiore consapevolezza e sensibilità verso l’ambiente circostante. San Giorgio future show è il tema del dodicesimo compleanno della biblioteca e del percorso di lettura che questo mese abbiamo dedicato alla narrativa distopica, nell’augurio che il pensiero, la lettura e la letteratura non siano utopie, ma strumenti concreti e reali attraverso cui costruire un futuro migliore.

 

Romanzi distopici: breve rassegna dai classici ai contemporanei

Mondo nuovo di Aldous Huxley, Mondadori, 1983

1984 di George Orwell, Mondadori, 2010

Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, Mondadori, 2004

Arancia Meccanica di Anthony Burgess, Einaudi, 1966

Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di Philip K. Dick, Fanucci, 2001

Dissipatio H.G. di Guido Morselli, Adelphi, 1977

Elianto di Stefano Benni, Feltrinelli, 1996

Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood, Ponte alle grazie, 2004

Sottomissione di Michelle Houellebecq, Bompiani, 2015

Il Cerchio di Dave Eggers, Mondadori, 2014

The store di James Patterson, Longanesi, 2017

Ragazze elettriche di Naomi Alderman, Nottetempo, 2017

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te