Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: L'uomo che cambiò i cieli
 

L'uomo che cambiò i cieli

 

L ’uomo che cambiò i cieli dell’esordiente Filippo Ongaro è un libro che affascina, si legge senza intoppi e contiene anche una mole di significati e retroscena non indifferenti: dietro alla trama che ruota attorno alla figura di Jep, giullare ed assistente dell’astronomo danese Tycho Brahe (1546-1601), si cela un’epoca in cui la ricerca scientifica ancora lottava con la visione umana e religiosa del mondo. Dopo aver costruito Uraniborg, un centro di ricerca all’avanguardia anche per il valore architettonico-filosofico, realizzato nell’isola di Hven grazie all’appoggio di Re Federico II, Brahe cominciò a cadere in rovina complice una serie di mutamenti che spostarono i moti del destino a favore dei ben più noti Keplero e Galileo. In una miscela di narrazione e ricostruzione storica, Francesco Ongaro riporta in vita un secolo straordinario e terribile e uno dei suoi protagonisti dimenticati, senza il quale l’astronomia moderna non avrebbe mai visto la luce.

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te