Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: L'educazione (im)possibile
 

L'educazione (im)possibile

 

Andreoli, autore che ha dedicato gran parte dei suoi studi e dei suoi scritti all’adolescenza, elabora un saggio sul problema dell’educazione al giorno d’oggi, lanciando un grido d’allarme che coinvolge tutti i componenti della società, dai genitori agli insegnanti ai politici. L’educazione è tema prioritario dell’intera società e, come tale, può essere risolto attraverso uno sforzo comune. Il primo impegno spetta alla famiglia, che ha l’indispensabile compito di contribuire alla formazione dell’identità del figlio: educare - sottolinea Andreoli – significa, infatti, prima di tutto, insegnare a vivere in un mondo mutevole e “veloce”, facendo tesoro dei propri errori e non avendo paura di mostrarsi fragili (che non vuol dire deboli). Educare un figlio a vivere dentro a un mondo che è, anche per gli adulti, incomprensibile o comunque, troppo celere non è certo un compito facile. Se la famiglia ha chiaramente l’obbligo di impartire un’educazione (non può esistere, infatti un abbandono educativo e lasciare i figli liberi di fare tutto), agli educatori o comunque, alla società in generale, spetta il compito di accogliere ogni giovane e di aiutarlo a trasformarsi in uomo o donna capace a sua volta, di divenire genitore. L’educazione è in questo senso continua, anche se chiaramente non può essere eterna: ad un certo punto, sulla soglia della maturità l’individuo deve essere capace di “cavarsela da solo” e di vivere in maniera adeguata nell’ambiente in cui si trova. Essere flessibili, in questo senso, è importante, tanto più se caliamo questa dote nella nostra società: per esserlo, tuttavia, spiega Andreoli, occorre aver maturato una chiara e definita concezione del proprio io: tanto più l’io è forte, tanto maggiori sono le possibilità di cambiamento consapevole. Senza la consapevolezza di un’identità (di base, di genere e sociale), l’individuo non riesce a trovare la propria autostima che ha un rilievo fondamentale per muoversi dentro il mondo futuro. L’assenza, la discontinuità dell’esserci da parte della famiglia genera adolescenti (e un domani adulti) incerti, confusi che spesso rispondono in rapporto alle influenze del mondo: altresì la presenza fisica dei genitori e soprattutto del loro linguaggio corporeo (una carezza, un abbraccio) è quindi fondamentale per definire le prime tappe di crescita di un figlio. La famiglia non è più una somma di io separati ma è una piccola orchestra dove ognuno suona la sua parte, ma concorre, insieme all’altro, alla realizzazione di un qualcosa di comune, tra cui l’aspirazione a una società migliore.

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te