Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: L'autorità perduta
 

L'autorità perduta

 

La nostra società offre sempre più stimoli per la crescita dei bambini, basti pensare alla miriade di prodotti informatici e al boom dei social network; siamo protagonisti di una collettività in cui certezze passate sono crollate (l’ambito posto fisso) e hanno lasciato aperta la strada a nuove sfide, un mondo in rapido divenire che vede tramontare il concetto stesso di autorità. Da queste premesse sboccia il saggio di Paolo Crepet, noto psichiatra e scrittore, ospite frequente di varie trasmissioni televisive che indaga sul tema dell’autorità che in questo saggio è sinonimo di autorevolezza, cioè di un giusto connubio tra rigore e intelligenza. I metodi educativi rigidi che in passato venivano utilizzati per crescere i bambini sono ormai tramontati: assistiamo purtroppo a fenomeni in cui i bambini sono senza regole, gli adolescenti maleducati i giovani vegetano e sono incapaci di prendere in mano le redini della propria vita. Dove i genitori e in termini più generali la società hanno sbagliato? Secondo Crepet abbiamo tolto ai nostri figli l’essenziale, ovvero la capacità di desiderare, di migliorarsi attraverso lo sforzo, di lottare per ottenere qualcosa di migliore. Per aiutare i giovani in questo processo di costruzione di indipendenza è necessario che durante il percorso di crescita dei propri figli, le figure educative sappiano offrire regole ragionevoli, dare limiti sensati, creare occasioni in cui i ragazzi siano “costretti” a confrontarsi con se stessi, coi propri limiti, a sfidarsi e sviluppare nuove risorse. I genitori devono essere figure di riferimento per l’ascolto, il confronto, il dialogo, ma non possono e non devono sostituirsi ai figli, mettersi al loro servizio, risparmiare loro frustrazioni e voler sgravare i figli dalle proprie responsabilità: dovremmo trovare il coraggio di esimerci dall’idea di asportare chirurgicamente ogni forma di dolore e di frustrazione dal cammino di crescita dei nostri figli. Educare è un affascinante mestiere, dove non ci sono regole o formule fisse da seguire. L’obiettivo è però chiaro: preparare i più giovani ad affrontare le difficili sfide del futuro (e per questo occorre dire alcune volte “no”!).

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te