Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Il sole, le ali e la civetta
 

Il sole, le ali e la civetta

 

 

Lucia Navone, giornalista ed esperta di comunicazione ambientale, racconta il lato oscuro di un boom del primo decennio 2000: quello delle energie rinnovabili, apparentemente il massimo desiderabile dello sviluppo green dell’economia, dove però, nel giro di pochi anni, la corruzione è dilagata. Imprenditori dell’ultima ora, votati a un ecologismo di sola facciata, i soliti politici e pasticcioni di vari colori e appartenenze che si improvvisano esperti energetici, e malavita organizzata, sono i protagonisti di questo libro: non solo nella descrizione di numerosi casi finiti nelle aule di Tribunale ma anche in un racconto che si inserisce tra i suoi vari capitoli. Un racconto fatto apposta per poter dire quello che “si sa, ma non si hanno le prove per dichiararlo ufficialmente” e che stravolge le regole non scritte del “o si racconta la verità o si scrivono romanzi”. Parla di gente che, in larga parte, si muove dal Nord al Sud dell’Italia, costruisce aziende dal nulla, arriva in tanti modi a pareri e autorizzazioni e costruisce impianti, anche quando comitati e cittadini si oppongono. Una corsa all’impianto di produzione di energia elettrica dovuta alla droga degli incentivi pubblici che hanno creato – è vero - dal nulla un settore con 100.000 posti di lavoro nel giro di 4-5 anni, ma che poi, grazie a governi dove l’improvvisazione teatrale è considerata arte di governo e la tattica del “vai avanti tu che mi scappa da ridere” applicata da tutti ha creato veri e propri mostri giuridici, ha visto crollare nel giro di un solo anno lo stesso castello precario, grazie ad un brusco ridimensionamento dei contributi pubblici. Questo libro è la prima inchiesta che svela i retroscena del mondo delle energie rinnovabili, anche se corre il rischio di far passare questo settore come un ammasso di delinquenti pronti a sfruttare tutte le occasioni. In realtà quest’area poteva rappresentare un’interessante applicazione industriale delle innovazioni scientifiche e tecniche con la creazione di un settore industriale anche italiano e sarebbe potuto essere comunque un tentativo per migliaia di persone di costruirsi un futuro di lavoro. Il libro, pur rischiando di favorire speculazioni anti-rinnovabili, ha l’aria di essere un istant book che raccoglie e “mette in ordine” fatti e circostanze per far comprendere meglio al lettore non specialistico come sono andate le cose e chi ne sono stati i protagonisti. Ritroviamo “i soliti noti” al centro di inchieste eclatanti come quelle sulla P3 ma anche un sottobosco politico che si muove a livello locale e che fa affari con la malavita organizzata. Ritroviamo anche imprenditori noti e meno noti che non hanno disdegnato la via breve pur di concludere in fretta l’affare e accedere agli incentivi statali. La morale è che quello che è successo in questo settore è esattamente ciò che sta accadendo a tanti altri settori nel nostro Paese. E non solo per colpa della crisi ma piuttosto per una classe imprenditoriale assolutamente incapace di fare mercato secondo i canoni normali del capitalismo. Tanto per ricordare che in questo Paese non abbiamo avuto neanche una rivoluzione liberale.

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te