Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Info & contatti >> Spazi >> Le opere d'arte alla San Giorgio >> Il grande carico, di Anselm Kiefer
 

Il grande carico, di Anselm Kiefer

particolare dell'opera di anselm kiefer, il grande carico

 

(tela a tecnica mista, 4,60 x 6,90 m)

Uno degli aspetti che distinguono la riuscita di un'opera d'arte sta nella facoltà di quest'ultima di provocare e stimolare l'immaginazione di uno spettatore, e questo è ciò che caratterizza la grande tela realizzata da Anselm Kiefer, collocata sulla parete di fondo della sala di lettura dei Dipartimenti, e donata alla San Giorgio dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, a godimento degli spettatori e dei lettori.
Il lavoro di Kiefer, materico ed evocativo, prende il titolo da un verso della poetessa austriaca Ingeborg Bachmann in cui si parla di una nave pronta a partire con un grosso carico (Die grosse Fracht, appunto).

"Il grande carico dell'estate è a bordo,
nel porto è pronta la nave del sole,
quando dietro di te saetta e stride il gabbiano.
Il grande carico dell'estate è a bordo.
Nel porto è pronta la nave del sole,
e sulle labbra della polena
si fa largo un sorriso da lemuro.
Nel porto è pronta la nave del sole.
Quando dietro di te saetta e stride il gabbiano,
arriva da Ovest l'ordine di affondamento;
ma tu annegherai con gli occhi aperti,
quando dietro di te saetta e stride il gabbiano."

In Kiefer il carico prende corpo sotto forma di libri, stabilendo così un legame ideale e indissolubile con il luogo in cui l'opera è collocata. Come abilmente descrive Bruno Corà : "Lo scafo di piombo, rigidamente vincolato sulla tela dipinta mediante sottili cavi, sostiene sul suo ponte cataste di libri muti, anch'essi di piombo. L'enigmatico e insolito convoglio sembra veleggiare su una distesa di terra e fango, sotto un cielo che non si distingue dalla terra, senza un orizzonte, in un magma in cui insieme alla ruggine e alle emulsioni miste all'acrilico, si sovrappongono colate di piombo fuso, i cui incerti contorni rivelano una gestualità repentina ...una turbolenza di modi, i cui effetti nell'immagine suggeriscono la mescolanza diluviale di terre, acque e cieli, senza possibilità di riferimenti orientativi".
Il grande carico suscita nello spettatore il ricordo di una "nave da guerra-giocattolo-modello" e il sentimento spiazzante del doverla "trarre in salvo", senza tuttavia conoscerne il perché o il verso dove, ma comunque sospinto da una tensione emozionale difficile da dimenticare, persa dietro ai ricordi e agli interrogativi che il convoglio insolito ed enigmatico porta sulla scena. Sembra divenire l'emblema di un trasporto essenziale attraverso un paesaggio immaginario, inquietante e insidioso, in cui è necessario riaffermare il diritto di cercare una risposta, di capire, sperando in quell'improvvisa e meravigliosa intuizione che talvolta ci dà la lettura.

 

Inserisci il tuo commento

Commenti

  • Magnifico

    Inserito da luisa antonucci, 30/10/2017 2:01pm (9 mesi fa)

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te