Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Attività >> Incontri e conferenze >> Leggere, raccontare, incontrarsi... >> I boschi diventavano carbone, le castagne erano il pane
 

I boschi diventavano carbone, le castagne erano il pane

Presentazione del libro I boschi diventavano carbone, le castagne erano il pane. Un anno in "compagnia" dei boscaioli, di Andrea Bolognesi, presentazione di Claudio Rosati. Pistoia, Settegiorni, 2018

Giovedì 24 maggio 2018, ore 17.00 – Biblioteca Forteguerriana

Interviene Alessandro Galardini
Sarà presente l'autore

Locandina
(pdf, 323 Kb)


Per secoli il bosco è stato la principale fonte di sostentamento e di guadagno per gli abitanti della montagna: le castagne fornivano infatti nutrimento per tutto l'anno e la legna veniva trasformata in carbone dai boscaioli, che spesso erano costretti a emigrare stagionalmente per lavorare e assicurare la sopravvivenza alle proprie famiglie. Così è stato anche a Tobbiana, frazione montana del Comune di Montale, finché verso la metà del Novecento la gran parte dei boscaioli non si trasformò in operai tessili nella vicina città di Prato. Nel volume, che si basa su informazioni, racconti, canti ed esperienze raccolte nel corso di molti anni, l'autore ricostruisce un anno di vita di quella comunità: un anno che iniziava e finiva nel mese di ottobre, quando si apriva il taglio del bosco, si raccoglievano le castagne e si partiva per la Maremma.

Andrea Bolognesi, nato a Tobbiana nel Comune di Montale nel 1953, si è laureato in Lettere moderne all'Università di Firenze. Si occupa di cultura locale e di storia e letteratura toscana, in particolare dell'Ottocento. Ha pubblicato numerosi saggi, su rivista e in volume. Fra questi si ricordano Atto Vannucci nel centenario della morte (1983), La valle dell'Agna e della Limentra orientale (1995), Tabernacoli e religiosità popolare nel territorio di Montale (2006), Voci della memoria. Montale in tempo di guerra (2009), Castagneti, castagne e canicciaie (2015). Inoltre, per la Brigata del Leoncino ha scritto una serie di biografie di personaggi pistoiesi: Atto Vannucci di Tobbiana. Intellettuale, politico, patriota dell'800 (1998), Bartolomeo Sestini di Santomato. Poeta e patriota tra '700 e '800 (1999), Enrico Bindi di Pistoja. Arcivescovo, umanista, letterato (2002), Pietro Contrucci di Calamecca. Letterato, epigrafista, patriota (2003), Giuseppe Arcangeli di San Marcello Pistoiese. Intellettuale e giornalista (2008), Enrico Bindi tra letteratura e religione. Un uomo di cultura, vescovo di Pistoia e Prato, arcivescovo di Siena, nei fermenti dell'Italia dell'Ottocento (2009). Ha infine curato Le lettere di Atto Vannucci a Enrico Bindi nella Biblioteca Leoniana del Seminario Vescovile di Pistoia (2012) e Viaggio del Mugello Casentino Val Tiberina Val di Chiana (2013), diario del viaggio fatto in Toscana da Atto Vannucci nel 1835.

 

 

Ad un clic da te