Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Attività >> Mostre ed esposizioni >> Archivio Mostre ed esposizioni >> Gente di Teatro. Sei manifesti inediti di Andrea Rauch
 

Gente di Teatro. Sei manifesti inediti di Andrea Rauch

7 aprile - 19 maggio 2018 - Art Corner

Inaugurazione sabato 7 aprile ore 17.00

Invito,
(pdf, 249 Kb)

Il teatro è magico. Si tratti della Scala di Milano, del Metropolitan di New York o del più umile e defilato spazio parrocchiale, il rito si ripete sempre uguale. Si entra in sala in silenzio e si aspetta l’alzarsi del sipario, diaframma che nasconde alla nostra vista la scena che, all’improvviso, ci si svela come un’apparizione lontana, sognata come oggetto del desiderio. Non sappiamo ancora cosa accadrà in quello spazio, ma l’attesa si carica del mistero della sorpresa e dell’inatteso. Può accendersi la luce e rischiarare, in un angolo, un oggetto fino allora in ombra, oppure un servo di scena può trasportare alla ribalta gli oggetti del dramma. Il regista in questo spazio si muove come Dio assoluto, signore e padrone che guida i corpi, le voci, e racconta la sua storia meravigliosa.
Ecco: il teatro è tutto in quell’alzarsi del sipario e nel mostrarci il mistero che si agita dietro il velo. È tutto nel desiderio e nell’aspettativa, e non importa poi se il testo è debole, la regia sommaria, la scena modesta, la recitazione insufficiente. L’anima del teatro ci ha già raggiunti e catturati. Siamo già entrati a far parte del rito.

I manifesti che presentiamo sono dedicati a sei grandi autori, tra i più grandi della storia del teatro, e sono stati disegnati nel 2015 per salutare il ritiro di Marco Bernardi dalla direzione del Teatro Stabile di Bolzano. Ho lavorato con Marco per più di trent’anni e per lui ho disegnato i manifesti per tutti gli spettacoli che ha diretto. La raccolta dei volti dei suoi autori è quindi un omaggio ideale che la storia del teatro ha rivolto a quest’uomo, appassionato e cortese, che ha portato ‘l’illusione teatrale’ per tanti anni a giro nel mondo. (Andrea Rauch)

 

Ad un clic da te