Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

 

Elga Schneider

 

I libri dei vincitori del Premio Ceppo per l'infanzia e l'adolescenza e i classici da loro consigliati

XI edizione - 60° Ceppo

L'undicesima  edizione ha premiato la scrittrice Elga Schneider con la seguente motivazione:

"Perché ha raccolto una sfida fondamentale per le giovani generazioni: “scrivere di guerra per costruire una cultura della pace che ancora non c’è”. E aggiunge: “i miei libri per ragazzi sono nati con l’impegno di avvicinare i giovani alla Storia del passato e farli riflettere su quello che è stato”. Così parla nella Ceppo Ragazzi Lecture, elaborata per l’occasione: “Scrivere per testimoniare contro ogni sopruso”. Per questo il Ceppo intende quest’anno premiare il valore della testimonianza affiancato a quello letterario nell’opera di una scrittrice che ha saputo narrare non solo l’orrore del Terzo Reich e “di una dittatura che si è resa responsabile di una guerra disumana e sanguinosa”, ma anche il rifiuto della violenza su bambini e adolescenti."

I libri selezionati per la mostra sono:

68. Rosel e la strana famiglia del signor Kreutzberg
Nella Germania del '39, in pieno regime nazista, la dodicenne Rosel subisce i raggiri e le morbose attenzioni del signor Kreutzberg, che grazie ai suoi appoggi politici riesce a diventare suo padre affidatario.

69. Heike riprende a respirare
Alla fine della guerra la berlinese Heike, 10 anni, la cui mamma si è suicidata in seguito a uno stupro subito da parte di soldati russi, spera di ricominciare a vivere serena con il padre reduce, ma non è così facile...

70. Stelle di cannella
Germania, 1932: l'ascesa dei nazisti al potere stravolge i rapporti sereni di una comunità nel tranquillo quartiere di una cittadina.

Libri consigliati da Helga Schneider

71. Jonathan Swift, I viaggi di Gulliver
Fra il 1699 e il 1706 gli straordinari viaggi del marinaio-chirurgo inglese Gulliver che, in seguito prima a un naufragio poi a una tempesta, s'imbatte in due popoli fantastici: i minuscoli lillipuziani e i giganti di Brobdingnag.
 
72. Mark Twain, Le avventure di Tom Sawyer
Sullo sfondo del Mississippi, le avventure di Huck Finn che, ribelle a tutte le regole del vivere civile, fugge in cerca di emozioni con Tom e Jim, suoi inseparabili amici.

73. Charles Dickens, Le avventure di Oliver Twist
Tra i vicoli malfamati della Londra dell'Ottocento la dura infanzia di Oliver, un orfano che subisce patimenti di ogni tipo prima d'incontrare chi lo aiuterà a scoprire la sua identità e a vivere una vita serena.

Scheda a cura di Ilaria Tagliaferri e Paolo Fabrizio Iacuzzi. La bibliografia è stata redatta con l’aiuto delle schede di LiBeR Database.

Nata in Polonia nel 1937, Helga Schneider ha vissuto in Germania, in Austria e si è stabilita dal '63 in Italia, a Bologna. Ha esordito nel mondo letterario nel 1995 con “Il rogo di Berlino” libro in cui racconta la storia della sua infanzia trascorsa a Berlino negli anni bui del nazismo, abbandonata dalla madre che aveva scelto di diventare prima ausiliaria delle SS e poi guardiana al campo femminile di Ravensbruck e successivamente di Auschwitz-Bierkenau.La descrizione dei mesi passati nelle cantine del palazzo dove Helga viveva a Berlino, una città completamente distrutta dalle bombe, la visita nel bunker di Hitler dovuto alla zia, collaboratrice di Goebbels e la caotica fine della guerra, sono un esempio di alta letteratura libera da ogni autocompiacimento e di qualsiasi forma di retorica. Quello che Helga vive, è vissuto anche dal lettore: la guerra, la distruzione, la morte, ma anche la voglia, la necessità, nonostante tutto, di esserci e di sopravvivere, per raccontarlo.Forse per tentare di cauterizzare delle ferite non cauterizzabili, da anni la Schneider si è dedicata alla scrittura per ragazzi, fedele all’impegno di “scrivere di guerra” per una cultura della pace, che ancora non c’è. “Stelle di cannella”, “L’albero di Goethe”, “Heike riprende a respirare” sono racconti in cui la Storia - quella vera e spietata - si intreccia con storie di ragazzini e ragazzine.

Sul n. 106, aprile-giugno 2015 si può leggere la Lecture di Helga Schneider "Scrivere per testimoniare contro ogni sopruso", letta in occasione della premiazione del Ceppo, con riferimento a sei parole chiave per una letteratura per ragazzi non vietata agli adulti: Guerra, Madre, Discriminazione, Abuso, Fuga, Natura.

Link al sito personale dell'autrice

 

Ad un clic da te