Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
Sei qui: San Giorgio Ragazzi >> Vietato ai maggiori >> Percorsi di lettura >> Archivio delle rassegne >> Rassegne 2014 >> Due anziani signori, l'amore per una donna, un dodicenne e... un duello!
 

Due anziani signori, l'amore per una donna, un dodicenne e... un duello!

I miei genitori si preoccupavano un po' del fatto che non frequentassi né gli scout né un gruppo di coetanei, e che non partecipassi quasi mai alle feste di classe. A me dispiaceva che si preoccupassero, perché con me stesso mi trovavo piuttosto bene. Anche i miei compagni avevano quasi smesso di insistere per farmi partecipare a quello che organizzavano, forse perché si erano stancati o forse perché non importava che ci fossi o no. In ogni modo, come ho già detto, me la cavavo bene; ma la sera, quando papà veniva nella mia stanza, si sedeva sul mio letto e mi guardava senza dire niente, era difficile, forse ancora più difficile delle liti furibonde con mia madre, che urlava e diceva che mi comportavo come un vecchio e non come un ragazzo di dodici anni.

Ma mia madre non conosceva il signor Rosenthal. Sulla sua carta d'identità c'era scritto che era nato nel 1896, ma aveva l'energia e la vitalità di un ventenne e sosteneva che la vita vera inizia a settant'anni.

Ci si può sentire vecchi a dodici anni? David non si sente vecchio, anzi. Il problema sono piuttosto i suoi genitori, che si preoccupano perché il figlio non ha gli interessi dei suoi coetanei, non esce abbastanza, non ha amici della sua età. L'amico di David è il settantenne signor Heinrich Rosenthal, che vive in una casa di riposo in un quartiere di Gerusalemme e che il ragazzo frequenta abitualmente. Un'amicizia iniziata “per dovere”, un impegno assegnato dalla scuola, che poi si trasforma in un legame sincero e affettuoso. David proprio non si spiega tutto questo preoccuparsi da parte di mamma e babbo; a chiunque piacerebbe passare del tempo insieme al signor Rosenthal, ascoltare i suoi racconti, le storie della sua adolescenza e della sua vita ai tempi della guerra. E poi quell'uomo così magro con una gran massa di capelli bianchi, che indossa sempre delle scarpe da ginnastica sdrucite, non si separa mai da una valigetta che quando viene aperta non può non attirare la curiosità di chi è lì con lui: al suo interno, tra le tante cose, ci sono una vecchia macchina fotografica e un disegno raffigurante due splendidi occhi.
Sono gli occhi di Edith Strauss, affascinante pittrice amata da Heinrich al quale regalò quel dipinto che ora l'uomo custodisce con tanta cura. Dopo Heinrich, Edith ha amato Rudi, uomo completamente diverso da lui, a partire dalla corporatura: alto e robusto, quarantasette di scarpe, campione di tiro con la pistola. A Rudi, lei donò il dipinto della sua bocca. Ed è proprio questo dipinto la causa di quel duello che dà il titolo all'omonimo romanzo: Rudi è stato derubato del quadro e chi incolpare del furto, se non Heinrich? L'uomo si dichiara innocente, ma Rudi non lo crede e decide di risolvere la cosa come ai vecchi tempi, sfidandolo a duello: chi rimarrà vivo, avrà salvo l'onore. E così, mentre i due “rivali in amore” rispolverano le vecchie pistole, David si fa in quattro per scovare il vero ladro e poter salvare l'amico da una brutta fine.
Quello che scoprirà sarà una vera sorpresa... Ann dagli occhi scuri e profondi, la figlia di Edith che nessuno ha mai visto, lo aiuterà a risolvere la situazione e grazie a lei i due vivaci vecchietti vivranno un nuovo capitolo della loro vita. Perché anche se col passare degli anni è sempre più piacevole restare legati ai ricordi del passato, non si è mai troppo vecchi per vivere nuove esperienze, conoscere nuove persone e farsi nuovi amici.

L'autore: David Grossman
Nasce nel 1954 a Gerusalemme, dove tutt'ora vive con la moglie e i figli.
Ha studiato filosofia e teatro all'Università Ebraica di Gerusalemme e, dopo alcuni anni come presentatore radiofonico, ha intrapreso la carriera di scrittore, firmando romanzi, saggi e libri per bambini e ragazzi di grande successo.I suoi romanzi sono tradotti in numerose lingue.
Da sempre attivo politicamente per le vicende della sua terra, Grossman si è più volte schierato a favore di una risoluzione pacifica della questione arabo-israeliana e ha fatto di questa tematica una presenza costante nelle proprie opere, sia di narrativa che di saggistica.

David Grossman per grandi e piccini
Storie per una buonanotte, Mondadori, 2011
Le storie della buonanotte sono speciali. Storie per ridere, storie per avventurarsi in mille peripezie fino al momento in cui gli occhi si chiudono, pronti a riaprirsi nel mondo dei sogni.

Buonanotte giraffa, Mondadori, 2010
Cos'è che si agita dentro l'asciugamano che il babbo di Ruti ha posato sul letto? Forse è una giraffa, forse no: per esserne sicuri non c'è che da controllare se ha zoccoli, ginocchia, orecchie, bocca e occhi da giraffa. Ma se l'asciugamano nascondesse qualcosa di diverso, come una piccola strega o una bambina che deve infilarsi il pigiama?
Una storia per ridere, abbracciati al proprio babbo.

L'abbraccio, Mondadori, 2010
Una breve storia illustrata che narra la passeggiata di un bambino con la sua mamma; non occorre altro per trasmettere la bellezza di un abbraccio.

A un cerbiatto somiglia il mio cuore, Mondadori, 2008
Durante la guerra dei sei giorni in Israele, i sedicenni Avram, Orah e Ilan sono ricoverati nel reparto di isolamento di un piccolo ospedale di Gerusalemme. I tre si uniscono in un'amicizia che si trasformerà, molto tempo dopo, nell'amore e nel matrimonio tra Orah e Ilan. Ormai adulta e madre, Orah deve convivere con la paura grande della perdita del figlio, militare impegnato in un'incursione in Cisgiordania. Avram, l'amico dell'adolescenza, la accompagnerà in un viaggio in Galilea e scoprirà un legame nuovo con l'amica conosciuta più di trent'anni prima.
Un romanzo toccante, che affronta i grandi temi dell'amore, dell'amicizia e della morte.

Itamar e il cappello magico, Mondadori, 2005
Da un ripiano dell'armadio cade un vecchio cappello magico e il babbo raccomanda a Itamar di non toccarlo: chi lo indossa può trasformare persone e animali, senza la possibilità di tornare indietro! Ma Itamar non resiste. Se lo mette in testa e decide di provarne i poteri sul papà: prima lo trasforma in scimmia, ma le scimmie non preparano la colazione. Poi in lupo, ma un lupo non può andare a fare la spesa. Poi in gallo, e sveglierà la sua famiglia ogni mattina alle cinque. Alla fine Itamar si chiederà: cos'è davvero magico, il cappello o il mio babbo?
Un libro per riscoprire la magia nascosta nelle cose di tutti i giorni.

Il duello, Mondadori, 2002
Il racconto dell'amicizia tra il dodicenne David e il settantenne Heinrich. David riuscirà a salvare l'amico da una brutta esperienza. Insieme a Vera, la proprietaria di un negozio di “chincaglierie” e ad Ann, una nuova amica, David vivrà un'incredibile avventura e capirà che non si è mai troppo vecchi, né troppo giovani, per emozionarsi.
Un romanzo per ragazzi e adolescenti, una storia sul valore dei ricordi e sull'importanza del legame tra le vecchie e le nuove generazioni.

Qualcuno con cui correre, Mondadori, 2001
Assaf è un sedicenne timido e impacciato cui viene affidato un compito singolare: ritrovare il proprietario di un cane abbandonato seguendolo per le strade di Gerusalemme. Correndo dietro all'animale, Assaf si imbatterà in Tamar, ragazza solitaria e ribelle, alla ricerca del fratello, tossicodipendente finito nella rete di una banda di malfattori.
Il ritratto di due adolescenti che si cercano e che forse si amano, trovandosi ad affrontare situazioni ben più grandi di loro.

Un bambino e il suo papà, Mondadori, 1999
I babbi sanno risolvere qualsiasi problema e hanno una risposta per ogni domanda! Così la pensa Itamar, che chiede al suo babbo di svelargli un segreto: come sarà il fratellino che sta per arrivare? Sarà come una palla da lanciare alta in cielo, o come un leone da cavalcare per andare all'asilo?
Storie per bambini a partire da sette anni d'età.

Ci sono bambini a zigzag, Mondadori, 1996
Per i suoi tredici anni, a Nono viene offerto un viaggio in treno da Gerusalemme ad Haifa. A organizzarlo sono il padre, un celebre detective, e la sua compagna. Ma il viaggio si trasforma in una serie di imprevisti orchestrati da clown, mangiatori di fuoco e da Felix, un ladro che rapisce il ragazzo e lo porta a conoscere la grande diva Lola. Perché quei due sanno così tante cose su sua madre? Nono li seguirà in fantastiche avventure, prima di scoprire chi sono veramente.
Una storia delicata e divertente, per riscoprire i legami familiari.

Le avventure di Itamar, Mondadori, 1991
Una raccolta di storie di vita quotidiana, che hanno per protagonista il piccolo Itamar. Un bambino davvero speciale, che un giorno decide di farsi “spedire” ai propri genitori come se fosse una lettera, con tanto di timbro e francobollo!

Vedi alla voce: amore, Mondadori, 1988
Il piccolo Momik, figlio di deportati, sente parlare in modo oscuro dell'Olocausto, si interroga sul mistero dei numeri tatuati sulla pelle dei genitori, crede che la "belva nazista" sia realmente un animale feroce. Per capire davvero dovrà crescere, diventare scrittore e seguire le tracce del nonno in Polonia.
Un romanzo complesso, nato dall'intento dello scrittore di avvicinare le nuove generazioni al dramma dell'Olocausto.

Scarica la rassegna
(pdf, 1421 kb)

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te