Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: San Giorgio Ragazzi >> YouLab Pistoia. An American Corner >> Attività di YouLab Pistoia >> Dalla disinformazione alla manipolazione dell'opinione pubblica. Quale futuro per la democrazia?
 

Dalla disinformazione alla manipolazione dell'opinione pubblica. Quale futuro per la democrazia?

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Il giornalismo è qualcosa di più di un mestiere, qualcosa in meno di una professione, una via di mezzo tra un’arte e il sacerdozio. Un vero giornalista è in modo non ufficiale, ma di fatto, un servitore pubblico il cui dovere è servire la comunità
Wickham Steed, editore del Times

gennaio-marzo 2024, ore 17 - Sala Manzini

con Maria Salerno, giornalista professionista

a cura di YouLab Pistoia

Volantino
(pdf, 290 Kb)

Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna da un paio di secoli il giornalismo si distingue come cane da guardia (watchdog) dell’interesse pubblico, in Italia tende a rappresentare gli interessi di gruppi di potere, politici o economici, di cui amplifica i messaggi (lapdog, traducibile come "cane da salotto" e "lecchino").
Se nella tradizione americana il giornalismo rappresenta un contropotere a servizio del pubblico, in Italia è sostanzialmente uno strumento di propaganda, una sorta di esercito "privato" in dotazione al Signore di turno.
Nonostante la crisi, negli Stati Uniti, l’informazione è ancora un business e il mercato premia indipendenza e aggressività.
I grandi gruppi editoriali hanno a cuore la riconquista della fiducia dei lettori, consapevoli che ciò presuppone un giornalismo più trasparente e negli Stati Uniti alcuni importanti quotidiani, tra questi il New York Times, si stanno muovendo in questa direzione. Dallo scorso giugno il NYT ha introdotto in maniera permanente, dopo un periodo di sperimentazione, dei "sottotitoli migliorati" per fornire ai lettori informazioni maggiori sul modo in cui un articolo è stato realizzato.

Il corso intende sviluppare queste macroaree attraverso la comparazione di due modi completamente diversi di fare informazione, a partire dalla concezione di diritto all’informazione dei cittadini, che negli Stati Uniti, a differenza che in Italia non è un diritto puramente teorico. Tale diritto è sancito dal Freedom of Information Act, basato sul principio che i cittadini devono poter conoscere non solo le decisioni delle amministrazioni, ma anche i documenti in base ai quali vengono prese. Solo in questo modo potranno intervenire nel momento della formazione delle decisioni e non già solo a posteriori. Saranno affrontate alcune delle principali teorie sulla manipolazione mediatica e forniti strumenti per la valutazione della credibilità dell’informazione. Infine, uno sguardo al futuro. Verso dove va l’informazione del futuro?

 

Programma:

martedì 23 gennaio 2024
Il giornalismo come servizio pubblico

martedì 30 gennaio 2024
Lottizzazione e dipendenza dai grossi capitali

martedì 6 febbraio 2024
Il sistema di credenze e la dissonanza cognitiva

martedì 13 febbraio 2024
Cos’è il complottismo? Quali interessi serve?

martedì 20 febbraio 2024
Come valutare la credibilità dei media?

martedì 27 febbraio 2024
Le parole scelte dal potere

martedì 5 marzo 2024
Il futuro dell’informazione

martedì 12 marzo 2024
Giornalismo partecipativo

 

La partecipazione è gratuita sia per l’intero ciclo di incontri che per un singolo modulo. Per iscriversi, inviare una mail all’indirizzo youlab@comune.pistoia.it indicando il proprio nome, cognome e numero tessera della biblioteca ed esprimendo la propria intenzione di partecipare all’intero ciclo o ad un singolo modulo. Chi non ha un indirizzo di posta elettronica potrà recarsi al banco accoglienza della biblioteca, dove potrà compilare e firmare un apposito modulo cartaceo. Chi non è ancora iscritto alla biblioteca, potrà comunque inviare la richiesta di partecipazione e perfezionare l’iscrizione prima dell’inizio dell’incontro stesso. Le iscrizioni saranno accolte in ordine di arrivo fino al raggiungimento di 20 richieste.

 

Ad un clic da te