Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.

I verbi della San Giorgio.

Sei qui: Attività >> Incontri e conferenze >> Leggere, raccontare, incontrarsi... >> Cure antiche e magie piccine
 

Cure antiche e magie piccine

sabato 31 agosto, ore 17,30 - Castello di Cireglio, Circolo Il cantuccio-Locanda della sapienza

Presentazione del libro Cure antiche e magie piccine. Guaritrici e guaritori tradizionali a Pistoia e nella Toscana appenninica di Ambra Tuci (Associazione culturale Ametista, 2021)

Interviene Iacopo Cassigoli
Sarà presente l'autrice

Guarire per incanto, con misture di erbe, attraverso gesti o il tocco di metalli, guarire per trasmissione diretta da un corpo erede di misteriosi doni all'altro, guarire per mano di chi abita la soglia tra il miracolo e il maleficio. Ambra Tuci, tornando ai ricordi della sua infanzia sulla Montagna pistoiese, rievoca il mondo dei guaritori, recuperando quelle tradizioni, formule e personaggi che da bambina l'avevano colpita. Donne e uomini che non avevano frequentato accademie, ma conoscevano la ragione di certi malanni, toglievano il malocchio, adoperavano per scopi terapeutici le piante oppure oggetti speciali come l'oro della fede nuziale. Donne e uomini il cui sapere è ormai andato perduto, ma che fino a non molto tempo fa erano i custodi di una sapienza che va sotto il nome di magia popolare.

Ambra Tuci è nata a Pistoia, dove ancora risiede. Si è laureata presso l'Università di Firenze con una tesi in letterature comparate. Lettrice onnivora, viaggiatrice instancabile, appassionata di folclore e tradizioni popolari. Scrive da sempre. Fra le principali pubblicazioni due testi dedicati alla didattica dell'arte: Il Museo "Marino Marini (2007) e Marino Marini, il mago del colore (2008). Ha lavorato per oltre vent’anni presso la Fondazione Marino Marini come responsabile del Dipartimento educativo del Museo di Pistoia. Attualmente è docente di letteratura e storia presso gli istituti superiori di secondo grado.

In collaborazione con Società Onore e Lavoro 1880 e Parco letterario Policarpo Petrocchi

 

Ad un clic da te