Biblioteca San Giorgio, Pistoia


Salta i link dei verbi.
Sei qui: Ave Mary
 

Ave Mary

 

Nasce da un convegno organizzato in Sardegna - ma è solo l’inizio di un approfondito studio - questa riflessione sulla figura della donna nella religione cristiana e cattolica e più in generale nella società odierna. Questo saggio ci fa scoprire dunque molti aspetti meno immediati ed evidenti della figura di Maria, e parallelamente ci fa comprendere meglio la collocazione della donna nel contesto sociale occidentale: infatti siamo ancora ben lontani dall’avere una rappresentazione paritaria dell’uomo e della donna, una situazione che non conduca le donne ad “assumersi nel tempo carichi di dolore, sforzo e responsabilità relazionale sempre più gravosi”. La donna poco protagonista e molto succube è una logica che trova riscontro nelle parole delle Sacre Scritture e arriva fino ai nostri giorni: l’analisi che l’autrice compie in questo saggio è tutt’altro che acritica (motivo per cui il testo è stato da alcuni filoni cattolici anche duramente criticato). Con precisione e originalità di stile, la Murgia delinea tutte le incongruenze, gli errori, i giochi politici e teologici maschilisti della Chiesa cattolica che hanno perpetuato nei secoli una visione della donna che tutte noi, indipendentemente dal nostro credo religioso, ci portiamo addosso.

Inserisci il tuo commento

Commenti

Nessuno ha aggiunto ancora un commento in questa pagina.

Feed RSS per i commenti in questa pagina | Feed RSS per tutti i commenti

 

Ad un clic da te